Premio Internazionale Premio Internazionale premio 2009: Iran arresto Narges 2015

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia premio 2009: Iran
rassegna stampa arresto Narges 2015
link motivazione Premio
premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - Angalià - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

Appello-Solidaritätsaufruf-Appeal -Libertà per Narges Mohammadi e Nasrin Sotoudeh, in sciopero della fame dal 17 ottobre

17.10.2012, http://www.amnesty.it/detenzione_avvocata_Nasrin_Sotoudeh_Iran

 

Continua e si fa sempre più dura in Iran la persecuzione dei prigionieri di coscienza e delle collaboratrici del premio Nobel Shirin Ebadi. Dopo l’avvocatessa Nasrin Sotoudeh ora è in carcere Narges Mohammadi, premio Alexander Langer 2009.  Un appello.


Il 5 marzo 2012 Narges Mohammadi è stata condannata in via definitiva dalla Corte d'appello iraniana a sei anni di carcere per la sua attività in difesa dei diritti umani in Iran. Anche se è così stata ridotta la precedente condanna del 2011 a 11 anni con l’accusa di  essere coinvolta in attività contro la sicurezza nazionale e propaganda contro il regime. Il 21 aprile scorso è stata rinchiusa in isolamento nel carcere di Evin.

Nata nel 1972 a Zanjan, giornalista, ingegnere, fin dagli anni universitari si attiva pubblicamente a favore del rispetto dei diritti delle donne e degli studenti e viene più volte arrestata. Nel 2001 sposa Taghi Rahmani, docente universitario, con cui ha due bambini di 5 anni . Subito dopo il matrimonio, Rahmani viene arrestato,  passa due anni in detenzione ed è ora stato costretto all’esilio.

I ripetuti arresti del marito spingono Narges Mohammadi a denunciare la situazione dei detenuti, in particolare di quelli per reati d’opinione, che vengono reclusi in carcere, in violazione dei più elementari principi del diritto.  Per queste sue accuse viene incarcerata altre due volte. Da queste esperienze, Narges trae forza ed esperienza per assistere i dissidenti imprigionati e le loro famiglie.

Nel 2008 viene eletta presidente del comitato esecutivo del Consiglio Nazionale della pace in Iran di cui fanno parte scrittori, artisti, giuristi, studenti, sindacalisti, rappresentanti delle minoranze etniche e gruppi politici che si oppongono a ogni logica militare o terroristica. Il “National Peace Council” vuole far conoscere al mondo l’esistenza di “un altro Iran” che si oppone a ogni azione violenta, sia all’interno del suo paese che contro il suo paese, e si impegna per costruire pace, sicurezza, stabilità, attraverso la tolleranza e l'amicizia.

Nel 2009, quando riceve il premio Langer, Narges Mohammadi è stretta collaboratrice di Shirin Ebadi, Premio Nobel per la Pace nel 2003, e vicepresidente del Centro dei difensori dei diritti umani.

La Fondazione Alexander Langer Stiftung, Human Rights International, Amnesty International, invitano cittadinanza, associazioni, rappresentanti di istituzioni politiche a firmare e far circolare questo appello per il ripristino dei diritti umani in Iran e la liberazione di Narges Mohammadi, Nasrin Sotoudeh e degli altri prigionieri di coscienza condannati per reati d’opinione.

Le firme raccolte saranno inviate alle presidenze della Camera e del Senato, al Ministro degli esteri del Governo Italiano.

Die Verfolgung gegen MenschenrechtsaktivistInnen, die für ihre freie Meinungsäußerung angeklagt und inhaftiert wurden, und gegen die MitarbeiterInnen und KollegInnen des Nobelpreises Shirin Ebadi wird  in Iran immer härter. Nach der Anwältin Nasrin Sotoudeh wurde auch Narges Mohammadi, Alexander Langer Preis 2009, inhaftiert.
Ein Solidaritätsaufruf.

Am 5. März 2012 wurde Narges Mohammadi, Langer-Preisträgerin 2009 vom iranischen Berufungsgericht zu 6 Jahren Haft verurteilt. Bereits 2011 wurde sie zu 11 Jahren Haft verurteilt, wegen „aktiver Beteiligung an Tätigkeiten gegen die Staatssicherheit, wegen ihrer Mitgliedschaft beim Zentrum zur Verteidigung der Menschenrechte und wegen Propaganda gegen das Regime. Ihr Einspruch bei Gericht wurde nun mit einer Minderung der Haftstrafe und der Gefangennahme am 21. April beantwortet.

Narges Mohammadi wurde 1972 in Zanjan geboren, bereits in ihren Studienjahren engagiert sie sich für Frauenrechte und jene der Studenten, sie wird mehrere Male verhaftet. 2001 heiratet sie den Universitätsdozenten Taghi Rahmani, mit dem sie zwei Kinder hat, die jetzt 5 Jahre alt sind. Sofort nach der Hochzeit wird Rahmani für zwei Jahre inhaftiert und heuer musste er auswandern.  

Die wiederholten Verhaftungen ihres Ehemannes sind Anlass für Narges Mohammadi, auf die Situation der Gefängnisinsassen aufmerksam zu machen, vor allem für jene die wegen Vergehen zur freien Meinungsäußerung inhaftiert sind. Mohammadi wird für ihren Einsatz zweimal verhaftet.  

2008 wird sie zur Vorsitzenden des Exekutivausschusses des nationalen iranischen Friedensrates gewählt, zu dem Schriftsteller, Künstler, Juristen, Studenten, Gewerkschafter, Vertreter von ethnischen Minderheiten und politischen Gruppen gehören. Der „National Peace Council“ möchte der Welt ein anderes Iran zeigen, ein Iran das sich jeglicher Gewalt entgegensetzt und sich für Frieden, Sicherheit und Stabilität einsetzt.

2009 erhält Narges Mohammadi den Alexander-Langer-Preis; zu dem Zeitpunkt ist sie enge Mitarbeiterin von Shirin Ebadi, Friedensnobelpreisträgerin 2003. Außerdem ist sie Vizepräsidentin des Zentrums für Verteidiger der Menschenrechte im Iran.

Die Alexander-Langer-Stiftung, Human Rights International und Amnesty International laden die Bevölkerung, Vereine und politische VertreterInnen ein, diesen Solidaritätsaufruf für Narges Mohammadi, Nasrin Sotoudeh und alle anderen Menschenrechtsaktivisten die für ihre freie Meinungsäußerung inhaftiert wurden, zu unterschreiben und zu verbreiten.

Der Aufruf mit dem gesammelten Unterschriften an die Präsidenten der Abgeordnetenkammer und des Senats, so wie an den Aussenministerium der italienische Regierung geschickt.

In Iran the persecution of political prisoners and supporters of the Nobel Prize winner, Shirin Ebadi, is getting worse. This is an appeal against the recent imprisonment of Nasrin Sotoudeh and Narges Mahammadi, winner of the  Alexander Langer Award in 2009.

 

On March 5th 2012 Narges Mohammadi’s case was reviewed by the Iranian court of appeal and she was sentenced to 6 years in prison for her activities in defense of human rights in Iran. Previously in 2011 she had received a sentence of 11 years. She is accused of being involved in activities against national security and for propaganda against the regime. On 21st April she was put in isolation in Evin prison in Teheran.

 

Mohammadi was born in 1972 in Zanjan and she has gone on to become a journalist and an engineer. Since completing her studies she has been publicly fighting for women and student rights and consequently has been arrested several times. In 2001 she married Taghi Rahamani, a university professor, and together they have two 5-year old children. Immediately after the wedding, Rahamani was arrested and imprisoned for two years. He is now forced to live in exile.

 

The repeated arrests of her husband has led Narges Mahammadi to denounce the situation of prisoners, in particular of those accused of political crimes who’s imprisonment often violates the most basic social and political rights. Due to this activism she was arrested again another two times. She now uses her experience to assist political prisoners and their families.

 

In 2008 she became president of the Iranian National Peace Council which is made up of writers, artists, lawyers, social activists, women, students, trade unionists, representatives of ethnic minorities and political groups opposed to any military or terrorist action against Iran. The National Peace Council’s objective is to make known the existence of “another Iran” which stands against every violent action within and against the country and is committed to establishing peace, security, and stability based on tolerance and friendship. 

In 2009, when she received the Alexander Langer Award, Narges Mahammadi collaborated with Shirin Abadi, recipient of the Nobel Peace Prize in 2003. She also became vice-president of the Defenders of Human Rights Center.

The Alexander Langer Foundation, Human Rights International and  Amnesty International invite Italian citizens, charities and representatives of political organisations to promote and sign a petition for the protection of human rights in Iran and for the liberation of Narges Mohammadi, Nasrin Sotoudeh (Human Rights Award 2008) and all other political prisoners.

The signatures will be sent to the Italian Parliament, to the Italian Government and to the European Union.

---------------------------------------------------------------------------

LA LETTTERA DI SHRIN EBADI

Gentile Sig.ra Navi Pillay, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani

porgo alla sua attenzione il fatto che la sig.ra Narges Mohammadi, attivista dei diritti umani, vicepresidente dei difensori dei diritti umani e responsabile del Consiglio Nazionale della pace in Iran, il giorno 21 aprile 2012 è stata arrestata e trasportata al carcere di Evin dove dovrà scontare 6 anni di reclusione. Alcuni siti attribuibili al governo iraniano hanno dichiarato che la condanna alla reclusione è confermata e che Marges MOhammadi è stata portata in carcere per scontare la pena. La sig.ra Mohammadi, dopo la prima notte in detenzione, è stata portata in isolamento dove tuttora si trova. In una breve conversazione telefonica che ha avuto con i suoi familiari  ha dichiarato di essere malata e che necessita cure mediche. Pronunciando questa frase la linea telefonica si è interrotta improvvisamente. Già nel 2010 Narges è stata in carcere dove si era ammalata di paralisi muscolare periodica ed era in cura per molto tempo. Il suo medico curante le  ha proibito ogni forma di stress ed ha avvertito che questa malattia può avere conseguenze gravi. Suo marito Taghi Rahmani, attivista politico che ha passato un terzo della sua vita nelle carceri della repubblica islamica, è espatriato due mesi fa. Questa coppia ha due figli gemelli di 4 anni che ora vivono in condizioni sfavorevoli in assenza dei genitori. Sembra che l’ arresto di Narges ed il suo trasferimento nella cella di isolamento siano una vendetta contro l’ espatrio del marito e che in realtà Narges sia stata presa come ostaggio. Considerando ciò che ho detto sopra vorrei attirare la sua attenzione sul fatto che  Narges  ha bisogno di cure e che il protrarsi di questa situazione può procurarle invalidità permanente. Quindi La prego di usufruire di tutte le sue risorse legali per liberare Narges in modo che lei possa sottoporsi alle cure mediche.

Sinceramente

6 maggio 2012

Shirin Ebadi

Difensore dei diritti umani e premio Nobel per la pace 2003

 

Per conoscenza:

Sig. Ban Ki Moon, segretario generale delle Nazioni Unite

Dr. Ahmed Shahidi, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione in Iran

Relatore delle Nazioni Unite sulla situazione dei difensori dei diritti umani

 

------------------------------------------------------------------------

Iran - senatiore Pietro Marcenaro:
Appello per un atto di clemenza a favore di Narges  Mohammadi

Pietro Marcenaro. Presidente della Commissione Diritti Umani del Senato,
ha incontrato questa mattina Mohammad Alì Hosseini, Ambasciatore
iraniano a Roma .

Nell'incontro Marcenaro, raccogliendo l'appello della Fondazione Langer
sottoscritto da molti cittadini e da numerosi parlamentari, ha
sottolineato a nome della Commissione Diritti Umani del Senato l'urgenza
di un provvedimento di clemenza per motivi umanitari a favore Narges
Mohammadi, avvocato e attivista iraniana dei diritti umani rinchiusa
dallo scorso 21 aprile prima nel carcera di Teheran con una condanna
definitiva a sei anni con l'accusa di "appartenere a organizzazioni che
mettono a rischio la sicurezza dello stato". La Mohammadi, già arrestata
2 anni fa, si era ammalata in carcere di una rara forma di distrofia
muscolare e le stesse autorità iraniane avevano allora concesso gli
arresti domiciliari dietro pagamento di una cauzione.

L'Ambasciatore ha preso atto della richiesta e si è impegnato a
inoltrarla alle autorità competenti in Iran.

Nel lungo incontro durato circa due ore si sono affrontati anche altri
temi quali la pena di morte e la situazione dei diritti umani e si è
auspicato lo sviluppo di un dialogo e di un confronto tra le diverse
posizioni.

Roma, 5.6.2012


Alessandra Pugliese
Senato della Repubblica
Commissione straordinaria per la promozione e la tutela dei diritti umani
tel. 0039 06 6706.4206
mobile 0039 347 6542592
alessandra.pugliese@senato.it
----------------------------------------------------------------------

 

" In data 30 maggio 2012, il Presidente della Camera dei deputati, on. Gianfranco Fini, in merito alla persecuzione dei prigionieri di coscienza in Iran e delle collaboratrici del Premio Nobel, Shirin Ebadi, in particolare di Narges Mohammadi, Premio Langer 2009, ha inviato una lettera al Presidente della Commissione Esteri della Camera dei deputati, on.Stefano Stefani, affinchè i deputati componenti la Commissione possano prenderne visione ed ha altresì trasmesso un'analoga lettera al Ministro degli Affari Esteri, ambasciatore Giulio Terzi di Sant'Agata, per le iniziative che riterrà più opportune."

Nel corso dellíncontro dedicato dalla Presidenza della Camera alle donne Democratiche tunisine, premio Alexander Langer 2012, il Ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant'Agata ha reso pubblica una sua articolata posizione che si legge in vedi http://www.alexanderlanger.org/it/2/gal/131

 

------------------------------------------------------------------
Il 15 giugno è arrivata la seguente adesione all'appello del Presidente della Provincia di Firenze Andrea Barducci:

Accolgo l'invito della Fondazione Alexander Langer alla firma dell'appello in favore di Narges Mohammadi, avvocato, attivista per i diritti umani in Iran, condannata a 6 anni in via definitiva dalla Corte d'Appello iraniana, per la sua attività in difesa dei diritti dei detenuti per reati d'opinione.
La condanna per l'accusa di appartenere a "organizzazioni che mettono a rischio la sicurezza dello stato", che non sono altri che i collaboratori del Premio Nobel per la Pace, Shirin Ebadi, evidenzia lo stato attuale dei diritti civili e di opinione in Iran. Diritti che sono intangibili e non trattabili e che non possono essere considerati "affare interno" di un paese, ma che riguardano tutti noi.
Per questo unisco la mia voce a quella dei tanti che chiedono la messa in libertà di Narges Mohammadi, rappresentando sicuramente il pensiero dei cittadini della Provincia di Firenze.

-------------------------------------------------------------

Adesioni / Unterschriften -20-5-2012

 

Rappresentanti del Senato della Repubblica

 

Pietro Marcenaro <pietro.marcenaro@senato.it>

Silvana Amati <Silvana.amati@senato.it>,

Francesco Ferrante <francesco.ferrante@senato.it,

Mariangela Bastico <Mariangela.bastico@senato.it>

Mauro Del Vecchio <mauro.delvecchio@senato.it>

Vincenzo Vita <vincenzomaria.vita@senato.it>

Silvana Amati <silvana.amati@senato.it>

Laura Bianconi <laura.bianconi@senato.it>

Marco Perduca <mperduca@yahoo.com>

Anna Maria Carloni <annamaria.carloni@senato.it>

Luigi Compagna <luigi.compagna@senato.it>

Luigi Desena <luigi.desena@senato.it>

Franca Biondelli <franca.biondelli@senato.it>

Emanuela Baio <emanuela.baio@senato.it>

 

Rappresentanti della Camera dei Deputati

 

ANDREA LULLI,

ALESSANDRA SIRAGUSA,

SUSANNA CENNI,

MARIA LETIZIA DE TORRE,

SILVIA VELO,

FEDERICA MOGHERINI REBESANI,

RAFFAELLA MARIANI,

 DELIA MURER,

 LUCIANO PIZZETTI,

 ANDREA SARUBBI,

 LUCIA CODURELLI,

 LUISA GNECCHI,

 MANUELA GHIZZONI,

 MATTEO MECACCI,

 IVANO MIGLIOLI,

WALTER VERINI,

GIOVANNA MELANDRI,

MARIA GRAZIA GATTI,

DONATA LENZI,

ROSA DE PASQUALE,

DONATELLA MATTESINI,

AMALIA SCHIRRU,

SANDRA ZAMPA,

TEA ALBINI,

LAURA FRONER,

DORIS LO MORO,

SANDRO BRANDOLINI,

VINICIO PELUFFO,

LUDOVICO VICO,

MARCO CALGARO,

GINO BUCCHINO

Sandro On. Brandolini <brandolini_s@camera.it>

Amalia Schirru, schirru_a@camera.it>

Donata Lenzi <lenzi_d@camera.it>

Barbara Pollastrini,

Pier Luigi Castagnetti,

Lapo Pistelli,

Sabina Rossa,

Oriano Giovannelli,

Anna Rossomando,

Caterina Pes, Marilena Samperi,

Carmen Motta,

Cinzia Capano,

Livia Turco,

Maria Coscia,

Giuseppina Servodio,

Eugenio Mazzarella,

Enrico Farinone,

Simonetta Rubinato,

Angelo Zucchi,

Tonino Russo

 

Consiglio comunale di Merano

“Il Consiglio Comunale di Merano, riunito in seduta plenaria il giorno 17.05.2012, sottoscrive all’unanimità l’appello della Fondazione Alexander Langer Stiftung, di Human Rights International e di Amnesty International per la liberazione delle donne iraniane Nasrin Soutudeh e Narges MOhammadi incarcerate per il loro impegno in difesa dei diritti umani in Iran.” 18.5.2012

 

CONSIGLIO REGIONALE TRENTINO ALTO ADIGE SÜDTIROL

 

CONSIGLIO PROVINCIALE TRENTO

 

  1. Roberto Bombarda
  2. Mario Magnani
  3. Marco De Paoli, Vice presidente consiglio regionale
  4. Bruno Firmiani
  5. Margherita Cogo
  6. Caterina Dominici
  7. Michele Nardelli
  8. Sara Ferrari
  9. Alberto Pacher, vice presidente Provincia Trento
  10. Gianfranco Zanon
  11. Mattia Civico
  12. Renzo Anderle
  13. Andrea Rudari
  14. Luigi Chiocchetti, assessore giunta regionale
  15. Mario Delladio
  16. Rodolfo Borga
  17. Bruno Dorigatti, presidente consiglio provinciale Tn
  18. Giorgio Lunelli
  19. Michele Dallapiccola
  20. Pino Morandini
  21. Walter Viola
  22. Giorgio Leonardi

 

CONSIGLIO PROVINCIALE BOLZANO

 

  1. Luis Durnwalder, Presidente Provincia Bolzano
  2. Riccardo Dello Sbarba
  3. Hans Heiss
  4. Veronika Stirner
  5. Josef Noggler
  6. Arnold Schuler
  7. Hochgruber Maria
  8. Georg Pardeller
  9. Elmar Pichler Rolle
  10. Walter Baumgartner
  11. Florian Mussner, assessore giunta provinciale
  12. Christian Tommasini, vice presidente Provincia Bolzano
  13. Roberto Bizzo, assessore provinciale
  14. Mauro Minniti, presidente Consiglio provinciale Bz
  15. Rosa Thaler Zelger, Presidente Consiglio Regionale
  16. Martha Stocker, assessore regionale
  17. Elena Artioli
  18. Hanspeter Munter
  19. Julia Unterberger
  20. Donato Seppi
  21. Maurizio Vezzali
  22. Leitner Pius
  23. Tinkhauser Roland
  24. Egger Thomas
  25. Mair Ulli

------------------------------------------------------------------

Rispettivamente il 18 maggio e il 22 maggio hanno aderito all'appello la Commissione Pari Opportunità e l'intera  Giunta del Comune di Bolzano.

La Giunta comunale di Bolzano, in data 5 giugno, ha deciso di affiggere sulla facciata del Municipio il banner allegato.

Il 5 giugno hanno firmato l'appello 26 Consiglieri comunale di Bolzano dei diversi gruppi.

-------------------------------------------------------------------------------------

Alla data del 18. 5 hanno inoltre firmato 145 cittadini, rappresentanti di associazioni, attivisti per i diritti umani, giornalisti, consiglieri comunali (vedi firme)

o direttamente

la petizione pubblica firmabile in: 
http://www.petizionionline.it/petizione/appello-per-la-liberazione-di-narges-mohammadi/6969

unter diesem Link  unterschreibbar:
http://www.petitiononline.de/petition/solidaritaetsaufruf-fuer-narges-mohammadi/963

Inoltre:

Fabrizio Ravelli <f.ravelli@repubblica.it>, giornalista
Anita Fontanella <anita.fontanella@hotmail.it>, Milano Italia
Sandra Marcellini Italia <shaula1961@libero.it>
Anna Lucchetta, Italia, <anna.lucchetta@gmail.com>
Doriana Goracci <dorianagoracci@hotmail.it>
Fredo Olivero <f.olivero@diocesi.torino.it>, migrantes

Sonia e Cristiano <cristiano.sonia@alice.it>
Claudio Paterniti Martello <cpaterniti@gmail.com>
Italia Dejana <i.deiana@libero.it>
titti valpiana <tiziana.valpiana@tiscali.it>
Luisa Morgantini, donne in nero

6.6.2012

presidenteregionetoscana.pdf (68 KB)
pro dialog