Premio Internazionale Premio Internazionale premio 2009: Iran arresto Narges 2015

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2004 Polonia Premio 2003 Italia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia premio 2009: Iran
rassegna stampa arresto Narges 2015
link motivazione Premio
premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - Angalià - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

Ahmad Rafat interverrà alla manifestazione del 3 luglio a BZ (Cafè plural, piazza Parrocchia 19)

2.7.2010, FAL
Ahmad Rafat è nato a Teheran il 31 Maggio 1951, da padre iraniano e madre italiana. Dopo il liceo in Iran a Teheran, si trasferisce in Italia dove continua gli studi presso la facoltà di Scienze Politiche a Perugia, e più tardi consegue un master in Psicologia dei Mezzi di Comunicazione a Francoforte. Comincia a lavorare come giornalista nel 1977 per il Quotidiano dei Lavoratori (QdL). Nel 1979 lascia il quotidiano e per tre anni collabora come freelance con i maggiori quotidiani italiani, spagnoli e svizzeri. Dal 1982 al 2003 lavora per il settimanale spagnolo Tiempo, come responsabile dell’Ufficio per il Medio Oriente e I Balcani. Contemporaneamente comincia la collaborazione con i programmi in lingua farsi della Deutsche Welle, BBC World e Radio Farda, così come per l’americana Word News Link. Nel 2004 comincia la collaboraizone con l’agenzia di notizie Adnkronos International (AKI) divenendone vice direttore nel 2008. Attulamente lavora con molte testate televisive di lingua farsi e italiana. Recentemente ha pubblicato due libri in Italia sulle tematiche iraniane; “L’Ultima Primavera” e “Iran la Rivoluzione On-Line”. Ha debuttato, nel 2009, come regista con il documentario “ I Figli Divorati della Rivoluzione Khomeinista” Ahmad Rafat ha vinto nel 2008 il Premio Ilaria Alpi e nel 2009 il Premio Giuntella.

 

pro dialog