Premio Internazionale Premio Internazionale premio 2009: Iran arresto Narges 2015

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia premio 2009: Iran
rassegna stampa arresto Narges 2015
link motivazione Premio
premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - AngaliĆ  - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

Lettera on. Pietro Marcenaro al ministro degli esteri Frattini

11.6.2010, www.pietromarcenaro.it

Apprendo con profonda preoccupazione dell'arresto da parte delle autorità di Teheran di Narges Mohammadi stretta collaboratrice del Premio Nobel per la pace 2003 Shirin Ebadi, nella difesa dei diritti umani in Iran. Lo dichiara Pietro Marcenaro, presidente della Commissione diritti umani del Senato - che chiede al governo italiano di protestare contro questo arresto, che avviene a un anno dalle elezioni e mentre in Iran e nel mondo si moltiplicano le manifestazione protesta e di dissenso contro il regime. Chiedo al ministro Frattini - prosegue Marcenaro - di convocare urgentemente l'ambasciatore iraniano in Italia per chiedere il suo immediato rilascio.

Narges Mohammadi è una giornalista laureata in fisica, moglie di Taghi Rahmani, che ha scontato 16 anni in prigione per le sue idee politiche e madre di due gemelli di soli quattro anni. E' un’attivista del Centro dei Difensori dei Diritti Umani in Iran. 

 

Proprio l'anno scorso - ricorda Marcenaro -  Narges Mohammadi era stata insignita in Italia del premio Alexander Langer, per le azioni e i meriti conquistati sul campo in difesa dei diritti umani e delle donne.  Non aveva potuto ritirarlo perché le autorità di Teheran le avevano impedito di lasciare il paese. Lo ritirò per lei Shirin Ebadi che, a pochi giorni dalle contestate elezioni e dalla tremenda repressione che ne è seguita, e di cui l'assassinio di  Neda ne è il simbolo estremo, era ospite della Commissione diritti umani del Senato a riferirci delle speranze e delle aspirazioni di democrazia e di libertà di un intero popolo tradite e represse con brutale violenza. 

Anche Shirin Ebadi - conclude Marcenaro - da allora non è potuta più rientrare in Iran.

 

 

pro dialog