Premio Internazionale Premio Internazionale premio 2009: Iran arresto Narges 2015

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia premio 2009: Iran
rassegna stampa arresto Narges 2015
link motivazione Premio
premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - AngaliĆ  - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

Arrestata senza motivazioni Narges Mohammadi

11.6.2010, Fondaz

Apprendiamo con sgomento e preoccupazione la notizia dell’arresto di Narges Mohammadi, Premio Langer 2009. Stando alle prime notizie, questa notte agenti della polizia segreta avrebbero fatto irruzione nella sua abitazione mostrando un mandato d’arresto. Motivo dell’arresto e luogo di detenzione non sono noti.

Narges Mohammadi, madre di due piccoli gemelli, è vicepresidente e portavoce del Defenders of Human Rights Center (Centro dei difensori dei diritti umani) fondato dal premio Nobel per la pace 2003 Shirin Ebadi. Il marito di Narges, Taghi Rahmani è già stato più volte arrestato (l’ultima nel marzo di quest’anno). Voce critica nei confronti del regime, negli ultimi tempi Narges Mohammadi aveva subito numerosi interrogatori. Nel novembre 2009 era stata licenziata dal suo lavoro di ingegnere ispettore.

Così domani, nella manifestazione-raccolta di firme, indetta dalla Fondazione Alexander Langer in piazza Municipio a Bolzano, dalle ore 10.30 in poi, a sostegno della campagna globale promossa da United4Iran per la liberazione delle prigioniere/dei prigionieri di coscienza in Iran in occasione del primo anniversario della contestata rielezione del presidente Ahmadinejad. La lista dei prigionieri/delle prigioniere si è così purtroppo allungata con un nome assai caro alla Fondazione e a questo punto tra le richieste ci sarà anche quella della liberazione immediata di Narges Mohammadi.

 

Bolzano, 11 giugno 2010

 

COMUNICATO STAMPA ALLEGATO

 

comunicatostampanarges.doc (75 KB)
pro dialog