Premio Internazionale Premio Internazionale Premio 2008: Somalia Sequestro Ayuub

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia
Sequestro Ayuub
stampa link motivazione
premio 2009: Iran premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - AngaliĆ  - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

Nuovo appello delle ong italiane: Vicine ai rapiti in Somalia

18.7.2008, Ufficio stampa ong
Roma, 18 luglio 2008. Che ne è degli operatori umanitari delle Ong italiane rapiti in Somalia? Iolanda Occhipinti, Giuliano Paganini, Abdirahman Yusuf Arale delle Ong Cins e Agrosphere e Mahamuud ‘Abdi Aaden, Faaduma Suldaan 'Abdirahmaan, ‘Ali Mao’, Mahadey Biile dell’Ong Acqua per la Vita sono tuttora nelle mani dei rapitori. I primi tre dal 21 maggio, cioe da ormai due mesi, e gli altri dal 1° luglio.

“Abbiamo incoraggiato il silenzio, ritenuto utile alla delicata azione per il rilascio dei rapiti; ed e apprezzabile che esso sia stato osservato dai media, dalla politica, dalle organizzazioni sociali – commenta Sergio Marelli, Presidente dell’Associazione ONG Italiane -. Iniziamo pero ad essere preoccupati per il passare dei giorni. Ci preoccupa ancora di più, dopo le dichiarazioni riportate recentemente da un settimanale, che il rapimento di Iolanda e Giuliano, i due cittadini italiani di cui particolarmente si occupano le nostre istituzioni, possa diventare pretesto di conflitti di competenza interni alle stesse istituzioni”.

L’Associazione ONG Italiane sta seguendo il sequestro con assiduita e particolare impegno, mettendosi a disposizione delle istituzioni fin dal primo giorno, per quanto può competere al proprio ruolo. “Rimaniamo convinti infatti che simili eventi debbano essere affrontati seguendo la via del massimo coordinamento e integrazione delle conoscenze, delle informazioni e delle intuizioni su realta che spesso le Ong che vi operano da anni conoscono meglio di ogni altro – aggiunge Marelli -. La Somalia e certamente una di queste, vista la loro ininterrotta presenza data la gravissima situazione umanitaria in cui si trova la popolazione somala”.

Due appelli delle Ong italiane sono stati diffusi in Somalia il 10 giugno  e il 3 luglio attraverso siti web, radio e TV locali, con un significativo coinvolgimento delle organizzazioni della società civile somala.

“Pur nel rispetto dell’invito al silenzio che continuiamo a ritenere doveroso – conclude Marelli - l’Associazione ONG Italiane apprezza le iniziative che alcune Municipalità hanno avviato per dimostrare che Iolanda, Giuliano e tutti gli altri operatori somali e internazionali rapiti non sono stati assolutamente dimenticati. Per dimostrare che si e vicini ai loro familiari e alla loro trepidazione. Per invitare le istituzioni a fare tutto il possibile per la loro rapida liberazione. Ci auguriamo pertanto che tali iniziative possano ripetersi in varie città italiane, fino al giorno del rilascio di tutti gli operatori rapiti”.

Ufficio Stampa Associazione ONG Italiane
email: ufficio.stampa@ong.it- Cell. 338.3032216 - Tel: 06 66019202

pro dialog