Premio Internazionale Premio Internazionale Premio 2008: Somalia Sequestro Ayuub

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia
Sequestro Ayuub
stampa link motivazione
premio 2009: Iran premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - AngaliĆ  - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

Comunicato stampa Ong italiane: SERVE REAZIONE DI TUTTI I SOMALI CONTRO QUESTI ATTI CRIMINALI

4.7.2008, Uff.stampa ONG

Dopo il rapimento avvenuto due giorni fa di altri cinque operatori umanitari in Somalia, questa volta appartenenti alla Ong italiana “Water for life”, tutti di nazionalità somala, tra i quali una donna, le Ong italiane presenti in Somalia da molti anni per garantire cure mediche, istruzione, acqua potabile, assistenza e aiuto agli sfollati, sviluppo agricolo e zootectico, rivolgono un nuovo appello a tutti i somali, in Somalia o all’estero.

 

«I sequestri di persona – dice Sergio Marelli, Presidente dell’Associazione ONG Italiane, riprendendo il testo dell’appello - sono divenuti ormai un’arma quotidiana che colpisce personale italiano e internazionale ma anche personale somalo in modo crescente. La situazione è preoccupante, anche perché mai in Somalia si erano visti crimini organizzati con questa ampiezza e frequenza».

 

Crimini che ancora una volta colpiscono persone impegnate per il bene comune che nonostante i rischi e le difficoltà hanno continuato a portare aiuto. Persone impegnate nelle organizzazioni umanitarie come Mohamud Abdi Aden, Faaduma Suldaan 'Abdirahman, Iolanda Occhipinti, Giuliano Paganini, Abdirahman Yusuf Arale “John”, Hassan Mohamed Ali, Murray Watson, Patrik Amukhuma e molti altri ancora.

 

«La Somalia non può accettare che questa crudeltà continui – continua Marelli sempre citando l’appello - impedendo ogni tentativo di portare aiuto e sostegno alle popolazioni, distruggendo ogni sforzo per riportare la pace. Noi ci siamo e continueremo ad essere al vostro fianco, ma potremo farlo solo di fronte ad una forte e decisa reazione di tutti i somali contro questo dilagare di criminalità e disumanità».

 

Intanto, fa sapere Marelli, per quanto riguarda il rapimento dei connazionali italiani Jolanda Occhipinti e Giuliano Paganini insieme al collega Abdirahman John avvenuto in Somalia il 21 maggio scorso «il Cins sta continuando a seguire costantemente, con le istituzioni italiane, le vie individuate per la liberazione di Iolanda, Giuliano e Abdirahman. Con questo nuovo appello delle Ong in Somalia ci auguriamo si possa giungere ad una soluzione positiva e nei tempi più brevi possibili del loro rapimento e di tutti gli altri».

 

 

NB: IN ALLEGATO LA VERSIONE INTEGRALE DELL’APPELLO

 

  

Ufficio Stampa Associazione ONG Italiane - email: ufficio.stampa@ong.it-  Cell. 338.3032216 - Tel: 06 6832061 – Fax: 06 6872373

AppelloSomalia.doc (67 KB)
pro dialog