Premio Internazionale Premio Internazionale Premio 2008: Somalia Sequestro Ayuub

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia
Sequestro Ayuub
stampa link motivazione
premio 2009: Iran premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - Angalià - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

SOMALIA: BORTOLOTTI (WATER FOR LIFE), “GIOIA PER LA BETANCOURT MA AMAREZZA PER I NOSTRI RAPITI”

3.7.2008, Agenzia SIR: http://www.agensir.it/pls/sir/V2_S2DOC_B.quotidiano?tema=quotidiano&argomento=dettaglio&sezione=&data_ora=03/07/2008&id_oggetto=154808&id_session=&password=&quantita=
 
 

“Felicità” per la liberazione di Ingrid Betancourt e gli altri ostaggi, ma anche amarezza per la disattenzione rispetto alla vicenda dei colleghi cooperanti rapiti in Somalia, di cui non si ha nessuna notizia dal 30 giugno, giorno del rapimento. A parlare oggi al SIR è Giuliano Bortolotti, presidente dell’ong “Water for life-Acqua per la vita”, alla quale appartengono i cinque somali (quattro uomini e una donna) sequestrati - Mohamud Abdi Aden, Faaduma Suldaan 'Abdirahman, , Abdirahman Yusuf Arale “John”, Hassan Mohamed Ali, Murray Watson, Patrik Amukhuma -, che si vanno ad aggiungere agli altri cooperanti del Cins - Iolanda Occhipinti, Giuliano Paganini e Abdirahman John - sequestrati il 21 maggio scorso. “Siamo felici per la Betancourt e per la sua famiglia – dice Bortolotti, che guida l’ong fondata nel 1987 dal missionario geologo don Elio Sommavilla - ma speriamo che questo segnale serva per dare attenzione anche agli altri sequestrati”. “Per lei si è mossa l’Europa, per i nostri chi si muove?”, si chiede accorato. “Non abbiamo nessuna novità e nessuno ci ha contattato. Se avessero chiesto dei soldi sapremmo individuare chi e perché ma finora non c’è stato nessun segnale”, conferma.

pro dialog