Premio Internazionale Premio Internazionale Premio 2006 Indonesia

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia
link Progetto "Primo soccorso" motivazione
Premio 2008: Somalia premio 2009: Iran premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - Angalià - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

Marina Forti: l'ostetrica pacifista che vuole cambiare il modo di nascere

12.10.2006, Il manifesto 8.10.2006
Ibu Robin Lim e' un'ambientalista, una poetessa, una pacifista; cerca l'armonia tra le persone e tra queste e la natura. E' anche un'ostetrica professionale: vive da anni a Bali, in Indonesia, lavora per migliorare la
salute delle madri e dei neonati; dice che aiutare i bambini a venire al mondo senza violenza e' il primo passo per guardare con speranza il futuro.
Per questo nel 1994 Ibu Robin ha creato un'associazione no profit, la Yayasan Bumi Sehat ("Fondazione madreterra sana"), che ha costruito una clinica-consultorio non lontano dalla cittadina di Ubud, a Bali. Quando le chiedo cosa l'ha spinta, parla di madri che muoiono di emorragia durante il parto e di bambini malnutriti. Anche nella relativamente benestante Bali, isola nota in occidente come destinazione turistica? "Bali e' come una scena teatrale", mi risponde Ibu Robin: "I turisti non sanno cosa ci sia dietro
le quinte. In Indonesia, e anche a Bali, la morte per parto e' comune e la malnutrizione e' la prima causa di morte infantile, oltre a causare ritardo nello sviluppo dei bebe' che sopravvivono".
Ibu Robin Lim era in Italia la settimana scorsa: il 29 settembre ha ricevuto il Premio internazionale "Alexander Langer" a Bolzano, poi ha partecipato a una serie di incontri (tra cui quello con il presidente della Camera
Fausto Bertinotti, a Roma). "Dopo la strage del 2002, Bali e' precipitata nella crisi", continua Ibu Robin: "L'isola viveva di turismo, e con tanti hotel e ristoranti chiusi centinaia di migliaia di persone hanno perso il lavoro.
Anche il problema della malnutrizione e' peggiorato". Nel consultorio di Bumi Sehat le madri e i bambini trovano assistenza gratuita e sono seguiti durante il parto e dopo. "Il 100% delle nostre assistite allatta al seno", dice soddisfatta Ibu Robin: "Con l'allattamento aumentano le chance di vedere il bambino crescere sano", spiega, ma purtroppo il business spinge piuttosto sul latte in polvere, per evidenti interessi economici - in un sistema del resto dove le cure mediche sono riservate a chi le puo' pagare. La clinica di Bumi Sehat e' diventata un luogo dove trovano aiuto tutte coloro che ne hanno bisogno, siano cristiane o hindu o musulmane (e' cosa in se' importante, fa notare Ibu, in una societa' dove le tensioni sono acuite dalla crisi economica; "anche il nostro staff e' misto"). Trovano assistenza, vitamine, rimedi tradizionali, un po' di medicina cinese, l'ospedale se serve: la clinica di Bumi Sehat mescola saperi tradizionali e scienza medica. Accanto sono nati un piccolo orto botanico e atelier dove alcune donne preparano prodotti tradizionali
e li vendono. ("Ibu Robin vuole impedire l'espropriazione delle conoscenze femminili da parte dei medici",dice la motivazione del premio della Fondazione Alex Langer).
Questa pero' e' solo la prima parte della storia. La seconda comincia quando lo tsunami ha spazzato l'oceano Indiano alla fine del 2004: la signora dallo sguardo insieme affettuoso e vigile ha impacchettato in gran fretta il materiale sanitario disponibile e, insieme a diversi collaboratori e volontari, e' volata a Aceh, provincia settentrionale di Sumatra, epicentro della devastazione. "Non avevo mai visto nulla di simile. 280.000 persone erano morte - ma c'e' chi dice che siano di piu', 400.000 - e i sopravissuti non avevano nulla". Serviva tutto, a cominciare dall'acqua ("i pozzi erano sommersi o salinizzati"). E servivano cure mediche.
Cosi' Bumi Sehat (con la fondazione Idep di Bali) ha costruito una clinica che ora cura fino a 1.500 pazienti al mese - con annesso centro comunitario, un campo da gioco, la biblioteca, cucina, toilettes. E' in una zona un po' remota, lontano dai capoluoghi, dove bisogna portare la benzina per il generatore (manca l'elettricita') e ogni rifornimento.
Fino allo tsunami Aceh era off limits, travolta da un conflitto armato: e' stato difficile lavorare in quel contesto? "Mi sono assicurata che noi restassimo neutrali, ne' con i governativi ne' con i separatisti. Solo
cosi' potevamo aiutare tutti". Con uno staff misto di volontari, il gruppo di Bumi Sehat ha fatto i conti con la tradizione islamica, magari coperto la testa per rispetto alle pazienti, riuscendo a superare le tensioni. Dice Ibu Robin: "L'Indonesia e' una terra che trema, terremoti, vulcani. Ma dopo la catastrofe ho visto persone mobilitarsi per aiutare, e questo mi da grande speranza".


Marina Forti, giornalista e saggista particolarmente attenta ai temi dell'ambiente, dei diritti umani, del sud del mondo, della globalizzazione, scrive per il quotidiano "Il manifesto" acuti articoli e reportages sui
temi dell'ecologia globale e delle lotte delle persone e dei popoli del sud del mondo per sopravvivere e far sopravvivere il mondo e l'umanita' intera.
Opere di Marina Forti: La signora di Narmada. Le lotte degli sfollati ambientali nel Sud del mondo, Feltrinelli, Milano 2004.
pro dialog