Fondazione Fondazione José Ramos Regidor

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017 bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020 bacheca 2021 Bergamaschi Paolo-info Mezzalira Giorgio Info memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda José Ramos Regidor
clemente manenti simone sechi Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione Comunicati Stampa
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Christoph Baker: cara Maria Paola...quanti ricordi

7.10.2020, autore, foto di Maria Paola e Ramos con Esperanza Martinez, roma

Cara Maria Paola,

Ti scrivo dalla Provenza in tempo per la bella iniziativa della Fondazione Lelio Basso per ricordare Pepe Ramos.

Ho davanti a me la sua faccia sorridente, la bocca allegra sotto i baffi grigi, la fronte leggermente pensosa, gli occhi accesi.

Quanti ricordi…

Abbiamo lavorato fianco a fianco per quasi cinque anni, nelle stanze di IDOC che davano su Piazza Navona. Tanti momenti importanti condivisi, e anche la quotidianità del nostro lavoro era eccezionale!

Ci son o tante persone più qualificate di me per parlare dell’importanza del suo lavoro di intellettuale sulla teologia della liberazione o sulla riconversione ecologia. Ma posso dire che Ramos non è mai stato un intellettuale nella sua torre d’avorio, distante dai suoi compagni di strada. Ci separavano alcuni anni di vita, e a volte so di averlo fatto un po’ impazientire con provocazioni e voli pindarici. Ma che belli erano i nostri scambi di vedute, intuizioni, analisi condivise.

Spesso ho parlato di Ramos, perché raramente trovi persone che hanno accettato ad un certo momento della loro vita, di superare dei solidi punti di riferimento filosofici, per aprirsi a nuovi parametri di pensiero. Ramos l’ha fatto con le sue nuove vedute “dal punto di vista delle donne” e “dal punto di vista della natura”.

Non mi stancavo mai di sentirlo raccontare le storie della sua vita passata, dall’ Estremadura agli anni a Torino, e a tutti gli anni di Roma con gli amici della comunità di base di San Paolo e tutti i compagni di strada della teologia della liberazione dell’America latina.

E poi, momenti di relax con te, Maria Paola, e lui, come quella grigliata a Olevano Romano da Mariano con in nostri figli piccoli e lui che ci giocava con gusto…

Ramos mi ha arricchito, mi ha trasmesso delle belle lezioni di vita, mi fa contagiato con il suo buon umore. Oggi, ho ben presente davanti ai miei occhi, il suo viso gentile e caloroso.

E’ stato un privilegio averlo conosciuto.

Christoph Baker

Saint-Hilaire/Roma-7-10-2020

pro dialog