Fondazione Fondazione Mezzalira Giorgio Info

Statuto C.d.A. (Consiglio d'Amministrazione) & Revisori Comitato Scientifico-Garanzia Staff Programma attività Relazioni finali bilanci consuntivi Ich trete bei - mi associo Quaderni della Fondazione bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017 bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020 bacheca 2021 bacheca 2022 Bergamaschi Paolo-info Mezzalira Giorgio Info
memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda José Ramos Regidor clemente manenti simone sechi findbuch - archivio Comunicati Stampa LAVORA CON NOI
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Giorgio Mezzalira: Hofer o Gaismair, l'identità dell'eroe

7.10.2009, Corriere dell'Alto Adige - articolo

Nellambito delle molte iniziative dedicate al bicentenario hoferiano si inserisce anche lappuntamento odierno in programma alle ore 19.30 presso la Vinoteque Malojer di via Weggenstein a Bolzano, organizzato dalla Fondazione Alexander Langer Stiftung, e che porta come titolo Chi è leroe nazionale tirolese?. La domanda costituiva lincipit di un articolo scritto da Langer nel 1982 per il 450° anniversario dalla morte di Michael Gaismair, il più importante capo politico-militare della rivolta contadina del 500 in Europa dopo Thomas Müntzer, fatto uscire dalle nebbie della storia e riabilitato come pioniere delle lotte per luguaglianza e la giustizia. Accanto a lui, a capo di unaltra rivolta, di segno vandeano, si opponeva Andreas Hofer, leroe celebrato in molti monumenti e diventato parte integrante della memoria storica collettiva e della storiografia tirolese. Due esponenti di riguardo della galleria dei grandi personaggi storici del Tirolo; entrambi simboli non solo di una rivolta, ma anche di una sconfitta: dellutopia di un repubblicanesimo popolare, il primo, delle ragioni della piccola patria contro le ragioni di Stato, il secondo.

Delle considerazioni di Langer su questi due personaggi, non rimane solo lintuizione che la nascita di un movimento per laltro Sudtirolo avesse bisogno anche di un altro eroe, che incarnasse lidea di unopposizione allautorità costituita e della lotta a fianco dei deboli per una riforma sociale. E il rivoluzionario Gaismair, scrivano e segretario vescovile, nato in un maso vicino a Vipiteno, si prestava certo come il migliore e più calzante esempio. Lattenzione a leggere dentro ai significati attribuiti alle celebrazioni hoferiane e al valore culturale e politico del persistere del culto delleroe della val Passiria, insieme al meccanismo del recupero selettivo della memoria sudtirolese, prospettano ancora oggi una serie di riflessioni, capaci di porre questioni e domande più sul presente che sul passato. Nella serata organizzata dalla fondazione ne saranno affrontate alcune, a partire da ciò che Langer definiva come linfausta costante della storia tirolese, ovvero la constatazione che le innovazioni, le aperture, le riforme, non scaturivano dalla forza propria del popolo tirolese, ma provenivano da fuori, magari portate dalle baionette. Sarà anche loccasione per discutere del destino avverso di tutti gli eroi, condannati a essere dei nostri o dei vostri, a vedersi tramutato il coraggio in tradimento, a testimoniare della difficoltà, almeno in Sudtirolo, di essere un eroe dei due mondi, con buona pace di Garibaldi e delle sue imprese.

La presidentessa della fondazione Christine Stufferin, nel presentare lappuntamento, precisa che non si tratta dell'ennesima celebrazione che arriva in coda a molte altre: Il nostro vuole essere piuttosto un contributo critico, ma non necessariamente di critica, un'esegesi langeriana del mito hoferiano. Gli storici Hans Heiss e Giorgio Mezzalira hanno analizzato i vari testi, in cui Alexander Langer si è occupato di Michael Gaismair, di Andreas Hofer e di identità tirolese. Per Langer il vero rivoluzionario è stato Gaismair e non Hofer che invece ha spesso assunto posizioni conservatrici.

Alle parole dei due storici, si accompagnerà una lettura scenica, in cui l’attore Martin Abram insieme ad altri lettori-interpreti riproporranno alcuni estratti dalla pièce "Tyrol 1525 - Szenen aus dem Bauernkrieg” (scene dalla rivolta dei contadini), rappresentata in molti centri dell’Alto Adige nel 1976. L’atmosfera conviviale sarà garantita da un piccolo banchetto. Il tutto si svolgerà nella cornice allusiva di una cantina enoteca, in un singolare omaggio al famoso oste della val Passiria.

pro dialog