Fondazione Fondazione bacheca 2020

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017 bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020
Albania 1990-2020
Bergamaschi Paolo-info Mezzalira Giorgio Info memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda José Ramos Regidor clemente manenti simone sechi Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Bolzano, 19 Ottobre 2020 - Presentazione del Libro : #ODIO Manuale di Resistenza alla Violenza delle Parole

19.10.2020, Fondazione

Bolzano, 19 Ottobre 2020 - ore 18 - Kolpinghaus

Presentazione del Libro : #ODIO Manuale di Resistenza alla Violenza delle Parole

Quando il 10 maggio del 2020 la notizia della liberazione di Silvia Romano si diffonde nei social, la giovane rapita in Kenya diviene in pochi istanti il bersaglio di attacchi di ogni genere, tra auguri di morte, rabbiose accuse contro il mondo del volontariato, generici insulti sessisti. È bastato questo episodio per ricordarci la portata e la violenza di un fenomeno che la retorica dell’“Andrà tutto bene” sembrava aver ridimensionato, ma che invece è più esplosivo che mai. Il discorso d’odio, o hate speech, non è di certo una novità, ma nell’epoca 2.0 ha trovato il modo di dilagare ovunque, inquinando e polarizzando ogni canale del dibattito pubblico. Dai social ai media tradizionali, fino ai discorsi quotidiani al bar, è stato sdoganato, e in alcuni casi istituzionalizzato, un linguaggio via via più violento e pervasivo, ma allo stesso tempo sfuggente e polimorfico. Infatti, come avverte il linguista Federico Faloppa, le parole che feriscono non sono solo gli incitamenti all’odio urlati in maiuscolo dai leoni da tastiera o le invettive dei corsivisti più spregiudicati. Da sempre il discorso d’odio agisce anche in modo subdolo, politicamente trasversale e in forme meno esplicite: con metafore, reticenze e false ironie, si esprime spesso al riparo da accuse e provvedimenti giudiziari, disseminando parole offensive, narrazioni stereotipate, stratagemmi retorici capaci di fomentare, in sordina, vecchi e nuovi hater. #Odio è un atipico manuale di resistenza che non si limita a setacciare la cronaca dei nostri giorni ma che del discorso d’odio ricostruisce una genealogia storico-giuridica, indica le spie linguistiche, fornisce gli strumenti di contrasto. Perché solo riflettendo sui limiti della nostra idea di hate speech e sui suoi complessi meccanismi possiamo provare a fermare la marea montante dei discorsi e dei fenomeni d’odio. E ritrovare il senso, inclusivo, della nostra società.

Intervengono:

Federico Faloppa, linguista Uni Reading, Rete nazionale per il contrasto agli atteggiamenti e ai discorsi di odio, Fondazione Langer

Monica Pietrangeli, Bolzano, giornalista e coordinatrice della Commissione Pari Opportunità Federazione Nazionale Stampa

 

Ingresso ad esuarimento posti secondo le normative anti-Covid
Evento in diretta online sullla pagina FB della Fondazione Langer

Informazioni : www.alexanderlanger.com info@alexanderlanger.net

Recensione:

«Le parole d’odio non crescono soltanto sui social»
Intervista a Federico Faloppa di Giovanni Accardo. Lo scrittore e docente ospite della Fondazione Langer «La scomparsa di modelli virtuosi nella politica e nella società civile, amplifica il fenomeno». (Quotidiano Alto Adige 21.10.2020)

https://www.altoadige.it/cultura-e-spettacoli/le-parole-d-odio-non-crescono-soltanto-sui-social-1.2451789

pro dialog