Scritti di Alexander Langer

News

10 febbraio, Giorno del ricordo a Trento e Rovereto: il programma (5.2.2024) No Means No: a febbraio torna Euromediterranea! (25.1.2024) Seminario di approfondimento "Ecologia e giustizia" (18.1.2024) La terza condanna di Narges Mohammadi per la sua attività all'interno del carcere (15.1.2024) Al via la campagna di adesioni 2024! (6.12.2023) Olga Karatch Premio Internazionale Alexander Langer 2023 (28.11.2023) La conversione ecologica secondo Langer (27.11.2023) "Cambiare il mondo o salvaguardarlo? Alexander Langer e i rapporti con la Germania e l'Europa" (31.10.2023) Pulizia etnica in Karabakh: l'ultimo fallimento della diplomazia europea? (24.10.2023) Narges Mohammadi Nobel per la pace 2023 (6.10.2023) E' uscito il nuovo rapporto di ADOPT SREBRENICA (27.9.2023) Il massacro degli armeni in karabakh nell’indifferenza occidentale – di simone zoppellaro (25.9.2023) I Corpi Civili di Pace. La formazione all'azione diretta nonviolenta e alla difesa non armata (20.9.2023) Newsletter di settembre (1.9.2023) Newsletter di agosto (1.8.2023) Für Narges Mohammadi (1.8.2023) In sostegno a Narges Mohammadi (17.7.2023) Newsletter di luglio (1.7.2023) grazie - danke - merci (12.6.2023) Cerchiamo un/a coordinatore/coordinatrice (7.6.2023) Giugno Juni - Daniele ed Alex (5.6.2023) Cena di autofinanziamento (31.5.2023) Maggio Mai - Ci vediamo all'assemblea? (9.5.2023) Assegnato a Narges Mohammadi, Niloofar Hamedi e Elaheh Mohammad il premio internazionale Unesco Guillermo Cano 2023 per la libertà di stampa  (8.5.2023) Seconda Lectio Langer, incontro con Francesco Palermo - Definire e delimitare nel modo meno rigido possibile l'appartenenza, non escludere appartenenze ed interferenze plurime" (29.4.2023) Ci sono altri ponti da costruire (17.4.2023) Newsletter Aprile - "Mai più" lo abbiamo già detto troppe volte (4.4.2023) Ciao, Irfanka (27.3.2023) Messaggio per l’8 marzo, inviato dal carcere di Evin da NARGES MOHAMMADI (17.3.2023) Newsletter Marzo - Un progetto sulla memoria in Albania, tra passato e presente (7.3.2023) Newsletter Febbraio - nuovo appuntamento con la lectio Langer (17.2.2023) M'illumino di meno (13.2.2023) Gennaio Januar - Il meglio deve ancora venire! (9.1.2023) Dicembre Dezember - Cambiare restando fedeli a sé stessi (2.12.2022) Programma 2023 - I semestre (30.11.2022) Newsletter Settembre September 2022 (2.9.2022) La Fondazione Alexander Langer Stiftung (31.8.2022) Agosto 2022: Tuzla cittadinanza onoraria ad Alexander Langer & Settimana Internazionale (23.8.2022) Newsletter Agosto Augusto 2022 (4.8.2022) Invito Euromediterranea 2022 (16.6.2022) Newletter GIUGNO - JUNI (1.6.2022) NEWSLETTER MAGGIO 2022 MAI (2.5.2022) NEWSLETTER Aprile 2022 April - ASSEMBLEA-VOLLVERSAMMLUNG (28.3.2022) Contro la guerra, cambia la vita (1.3.2022) NEWSLETTER MARZO MÄRZ (25.2.2022) "Alexander Langer – un uomo del nostro tempo". Prima Edizione della Lectio Langer, incontro con Fabio Levi (14.2.2022) NEWSLETTER Februar - Febbraio 2022 (8.2.2022) Gennaio - Januar 2022 (27.1.2022) ICH TRETE BEI - MI ASSOCIO! Campagna adesione Amici e Amiche della Fondazione (24.1.2022) DICEMBRE - DEZEMBER (15.12.2021) Newsletter DICEMBRE 2021 DEZEMBER (10.12.2021) Care amiche e amici (2.12.2021) Sarajevo - Cittdinanza onoraria ad Alexander Langer (26.2.2021) News luglio/Juli 1985: Narges Mohamadi - Andreina Emeri (29.7.2020) giugno/luglio 2020: da Alexander Langer a Srebrenica (30.6.2020) 4 giugno: da Tienanmen a Hong Kong, prima che sia troppo tardi (4.6.2020) Lettera aperta alle istituzioni: Accoglienza senza fissa dimora a Bolzano durante la cd. Emergenza CoVid-19 (20.3.2020) Alexander Langer, Srebrenica e l'anno che verrà (3.3.2020) 2020: Alexander Langer e Srebrenica, 25 anni dopo (3.3.2020) I quaderni della Fondazione Alexander Langer Stiftung (30.10.2019) 5‰ cinque per mille e sostegno - Fünf Promille und Unterstützung (27.5.2015)

Messaggio per l’8 marzo, inviato dal carcere di Evin da NARGES MOHAMMADI

17.3.2023

Messaggio per l’8 marzo, inviato dal carcere di Evin da NARGES MOHAMMADI per un’iniziativa a Firenze dell’Associazione donne libere iraniane – Traduzione

Sono oramai mesi che il mondo assiste all’ascesa e alla crescita del movimento “Donna Vita Libertà” in Iran. L’inizio di questo movimento fu l’assassinio di una giovane ragazza curda, vittima delle politiche antifemministe del regime teocratico dittatoriale.

Negli ultimi 44 anni innumerevoli donne sono state vittime di tali politiche repressive da parte del regime al potere.

Io sono una donna di 50 anni che ha trascorso 44 anni della propria vita sotto l’oppressione, le minacce, le molestie e la paura di un sistema violento.

Nonostante abbia trascorso 30 anni della mia vita a combattere, resistere e lottare per la liberazione, in questi giorni, senza alcun rimpianto, piena di speranza e vitalità, sono accanto ai miei connazionali contro il regime dispotico.

In questo messaggio vorrei dirvi che anche se sono in prigione continuo a lavorare duramente per il superamento della Repubblica Islamica e per raggiungere la democrazia, per i diritti umani e i diritti delle donne.

Sono consapevole che la fase di transizione non sarà semplice e immediata ma allo stesso tempo sono convinta che dobbiamo pensare da subito a quando il regime cadrà e compiendo grandi sforzi per garantire i diritti umani e soprattutto i diritti delle donne.

Ci libereremo dal male di un sistema repressivo e disumano ma garantire in un nuovo sistema la creazione di una forte società civile e dei diritti umani, linfa vitale della democrazia, non sarà cosa semplice.

Da sempre considero la “volontà” e il “desiderio” del popolo come parametri principali per i profondi cambiamenti sociali e politici e credo che il popolo della mia terra abbia raggiunto una consapevolezza storica. Proprio per questo mi aspetto che l’opinione pubblica mondiale, le associazioni e le organizzazioni internazionali per i diritti umani e per i diritti delle donne, sostengano in modo efficace gli attivisti civili, sociali e politici sotto repressione in Iran e che pretendano dai propri governanti delle azioni politiche in linea con la realizzazione della democrazia in Iran.

Sono sicura che la gente della mia terra non si fermerà̀ finché non avrà raggiunto i propri obbiettivi e i pionieri di questo enorme cambiamento saranno le donne ribelli e rivoltose. E io, che sia in carcere o fuori, sarò accanto a loro e continuerò a lottare.

Con la speranza di vittoria,

NARGHES MOHAMMADI

pro dialog