Scritti di Alexander Langer

News

Newsletter Fondazione Alexander Langer Stiftung, Maggio 2021 (3.5.2021) Discriminazione: discriminazione multipla, pregiudizio e razzismo (25.4.2021) A 100 anni dalla “domenica di sangue”.  Costruire ponti per dare forma al futuro. (24.4.2021) Bolzano, 24 aprile 1921: a 100 anni dalla "Blutsonntag" - Costruire ponti per dare forma al futuro (24.4.2021) L'Arte del Vivere Insieme (14.3.2021) ITALIA-BOSNIA: AD ALEXANDER LANGER POST MORTEM, IL PIU’ GRANDE RICONOSCIMENTO DELLA CITTA’ DI SARAJEVO, LA CITTADINANZA ONORARIA. (26.2.2021) Fondazione Alexander Langer Stiftung:_Newsletter (27.11.2020) Newsletter Fondazione Alexander Langer Stiftung - EVENTI 21 e 23 ottobre DA REMOTO (14.10.2020) News luglio/Juli 1985: Narges Mohamadi - Andreina Emeri (29.7.2020) CALL PER SERVIZIO CIVILE IN FONDAZIONE ALEXANDER LANGER STIFTUNG (22.7.2020) giugno/luglio 2020: da Alexander Langer a Srebrenica (30.6.2020) 4 giugno: da Tienanmen a Hong Kong, prima che sia troppo tardi (4.6.2020) Maggio 2020: News Fondazione Alexander Langer Stiftung, Onlus (26.5.2020) Lettera aperta alle istituzioni: Accoglienza senza fissa dimora a Bolzano durante la cd. Emergenza CoVid-19 (20.3.2020) Alexander Langer, Srebrenica e l'anno che verrà (3.3.2020) 2020: Alexander Langer e Srebrenica, 25 anni dopo (3.3.2020) Khalida Toumi, Narges Mohammadi, Anna Bravo...e l'anno che verrà (25.12.2019) I quaderni della Fondazione Alexander Langer Stiftung (30.10.2019) Yallah?! Über die Balkanroute / Sulla rotta balcanica - Evento pubblico 28 ottobre (19.10.2019) Bolzano, Verona, Bologna: Invito presentazioni del libro di Ilaria Maria Sala PECHINO 1989 (31.5.2019) Fondazione Alexander Langer Stiftung, onlus (3.4.2018) Il Sudtirolo: territorio di accoglienza, di transito e di confine Sguardi sulla situazione attuale da diversi punti di vista Südtirol & Menschen auf der Flucht: Aufnahme-, Transit- und Grenz-Land (2.6.2016) 5‰ cinque per mille e sostegno - Fünf Promille und Unterstützung (27.5.2015)

Bolzano, 24 aprile 1921: a 100 anni dalla "Blutsonntag" - Costruire ponti per dare forma al futuro

24.4.2021

 

Fondazione Feltrinelli - Calendario Civile

Per il Calendario Civile della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli primo appuntamento in collaborazione con la Fondazione Alexander Langer Stiftung - Bolzano, 24 aprile 1921: a 100 anni dalla "Domenica di sangue" / Costruire ponti per dare forma al futuro

24-04-2021 11:00

In streaming su fondazionefeltrinelli.it/live e sulla pagina Facebook della Fondazione Feltrinelli e della Fondazione Langer


Il 24 aprile del 1921, a Bolzano, il giorno dell’apertura della “Fiera di primavera”, alcune squadre d’azione fasciste provenienti da varie regioni italiane aggrediscono una sfilata in costume tirolese, terrorizzando la popolazione cittadina. È la cosiddetta “domenica di sangue”, in tedesco Blutsonntag o Bozner Blutsonntag.
Quella data rappresenta un “luogo di memoria” su cui urge tornare perché oggi come allora il percorso per l’affermazione di un diritto alla propria identità è complesso e pieno di contraddizioni.
Come disinnescare le tensioni che derivano dal sovrapporsi di identità culturali diverse? Come pensare a percorsi di dialogo verso una concezione inclusiva della cittadinanza e qual è l’antidoto alla violenza come primo “codice” nella relazione fra le persone?

Il 24 aprile 2021 alle ore 11.00 Fondazione G. Feltrinelli promuove l’incontro online

A 100 anni dalla “domenica di sangue”
Costruire ponti per dare forma al futuro

Apre l’incontro un video a cura di Francesco Filippi, narratore storico, girato presso il cimitero austroungarico di Brunico.

Intervengono
Hannes Obermair, storico
Nazario Zambaldi, artista e pedagogista
Sabina Langer, redattrice e autrice di libri scolastici
Romina Casagrande, scrittrica, insegnante di scuola secondaria

Conclusioni

Cos’è la cittadinanza e come la si costruisce
a cura di alcuni studenti delle scuole superiori di Bolzano

 

Il calendario civile di Fondazione Feltrinelli

Un calendario civile per il 2021 fatto di date inquiete, a volte dimenticate, che continuano a riaccendere e a interrogare la nostra memoria pubblica. Una storia fatta non solo di grandi eventi, ma anche di uomini e donne che hanno saputo dare un esempio di partecipazione e spargere semi di libertà, grazie al loro amore per la verità. Uomini e donne che si sono schierati contro il conformismo del pensiero e contro ogni condizionamento, che hanno ancora tanto da dire per l’oggi.

 

Immagine: Franz Innerhofer Begräbnis in Bozen 

 

pro dialog